FB sidebar
instagram sidebar
linkedin sidebar
twitter sidebar
skype sidebar
email sidebar

Santarcangelo Dei Teatri e la grafica editoriale
Notizie&Stampa / News&Press

Grafica per l'editoria. Nelle date 8 - 10 luglio,  15 - 16 luglio presso la manifestazione Santarcangelo dei Teatri, è possibile conoscere l'artista Petronella Ortmann, la sua arte poliedrica e le sue poesie. Accompagnata dalla nota macchina da scrivere color ocra, terrà sessioni di poesie "in diretta" accompagnate da reading in loco. Per gli amanti del mondo cartaceo e di quello fotografico, è possibile acquistare le poetry card dell'artista, realizzate da épicées.

13600314 10208498644837997 7377856619488873038 n

13654213 10208492913414715 4737981291675561260 n

Shooting in Villa Spada
Notizie&Stampa / News&Press

Schermata 2016 05 30 alle 14.51.56

Per la realizzazione dello shooting dei foulard DESTITEDESCHI ci siamo concentrati sulla scelta della location individuando tra le varie proposte Villa Spada, uno dei parchi più frequentati di Bologna. Costruita nel 700 in stile Neoclassico, è perfetta per gli scatti poiché dotata di un giardino all’italiana che si estende per circa sei ettari: una location importante in grado di esaltare l'italianità del prodotto DESTITEDESCHI e renderlo protagonista in mezzo alla natura. I colori sgargianti dei foulard risaltano in mezzo al verde dando importanza alla persona che lo indossa e allo stesso tempo, mettendo in evidenza l’unicità del prodotto. I foulard DESTITEDESCHI sono realizzati interamente in Italia, utilizzando le migliori sete, in edizione limitata e dotati di certificato di garanzia e autenticità. Essi vengono confezionati a mano, nella città di Bologna. La ricerca della location adibita agli scatti dei prodotti è stata ben strutturata ed è durata diverse settimane. Ogni giornata di lavoro e studio degli ambienti prevedeva una visita ad un luogo del territorio bolognese durante il quale è stata fatta una ricerca iconografia e fotografica della superficie disponibile in modo da valutare ogni singolo dettaglio, punto di forza e debolezza. Sono stati presi in considerazione, ad esempio, le Sette chiese e l'interno della basilica di Santo Stefano dove si può trovare un fantastico chiostro medievale in stile romano–gotico, oppure il parco di Villa Ghigi situato sui rilievi collinari immediatamente dopo porta San Mamolo, in grado si offrire panorami mozzafiato sulla città. Altre valide alternative per la realizzazione dello shooting potevano essere i Giardini Margherita o il Parco Della Chiusa, denominato dai cittadini come Talom. I primi rappresentano il cuore verde di Bologna, parchi immensi dove la primavera e l’estate diventano magici, mentre il secondo apre scorci suggestivi sul fiume Reno, sui campi e sui vigneti. L’ultima tappa della ricerca è stata San Luca, un’importante santuario dedicato al culto cattolico che si eleva sul Colle Della Guardia, raggiungibile solo attraverso una lunga via porticata e con i suoi 3,796 km è considerato il portico più lungo al mondo. Apparentemente tutti i luoghi hanno qualcosa di speciale da offrire ma Villa Spada, grazie alla sua classicità e bellezza antica abbraccia pienamente lo stile di vita DESTITEDESCHI. Vista la produzione Made in Bologna, la città e le sue meraviglie, sono la sceneggiatura perfetta con colori importanti e atmosfere uniche.

13256478 287418964932893 4781106023148011345 n

13307199 287929948215128 2607310151383855547 n

13245395 288690664805723 7926978789574310072 n

 

  

 

Moda, arte o design?
Notizie&Stampa / News&Press

Per chi vuole lavorare in ambito moda, legando arte e design tra loro, è utile parlare del WHITE.

WHITE offre ai suoi buyer un brand mix unico nel suo genere che punta a portare al salone i migliori progetti del contemporary internazionale. Grazie a questa strategia fortemente buyer-oriented, WHITE è frequentato da oltre 20mila buyer dei multi-marca più importanti del mondo e da circa 1000 giornalisti; il salone è un’ambita piattaforma per i marchi di nicchia e il palcoscenico ideale per tutte quelle aziende italiane e straniere di ricerca che si riconoscono nel suo DNA che mixa creatività, simpatia e impegno eco-etico.

Anche il brand DESTITEDESCHI parteciperà alla manifestazione presentando i prodotti in limited edition realizzati esclusivamente in seta. Vista la grande visibilità per i marchi emergenti, l'idea di esporre in questo meraviglioso palcoscenico sarà sicuramente apprezzata da tutti coloro che amano l'artigianalità dei prodotti, la cura dei dettagli e quindi un ritorno al Made in Italy.

WHITE è infatti la vetrina internazionale della moda contemporary ma anche il riferimento culturale per una generazione di stilisti, designer e artisti che trovano una preziosa rampa di lancio.  Stay tuned :)

White 07

Schermata 2016 05 25 alle 18.05.36

Il foulard quanti anni ha?
Notizie&Stampa / News&Press

Continuano la serie di articoli e pubblicazioni su questo interessantissimo accessorio.

Pur avendo attraversato gli anni è rimasto sempre presente nella moda come sinonimo di eleganza e perfezione. L’origine del foulard si perde nella storia.

Secondo alcuni studiosi del costume, il foulard per eccellenza trae ispirazione dal foulard indossato dai soldati di Napoleone. Un accessorio maschile che comunque fa impazzire le suffragette dei primi decenni del secolo. Se ne ritrovano tracce in alcune raffigurazioni in Oriente mille anni prima di Cristo, e in Occidente nel secondo secolo d.C. pare che fosse indumento appartenente ai soldati, nato quindi per proteggere. Lo ricordiamo poi, in tempi più recenti, sui capi delle contadine come protezione dal sole. Altri eserciti lo utilizzavano come contrassegno del loro grado o di appartenenza ad un gruppo.

Negli anni sessanta Audrey Hepburn portava il foulard annodato sotto al mento e spesso abbinato ad un paio di occhiali scuri, Jacqueline Kennedy in barca e Catherine Deneuve e Grace Kelly non ci rinunciavano mai facendone una vera e propria divisa. L'abitudine di portarlo sulla testa era anche di Sofia Loren. Forte di questo fascino retrò il foulard si ripresenta in questi ultimi anni sia sulle passerelle della moda, interprete privilegiato di un'eleganza senza tempo, sia incorniciato come quadro da collezione per abbellire ambienti di uffici, case e barche.

Dal sito artemare, riportiamo un articolo sulla storia del Foulard.

Le origini del foulard si perdono nella notte dei tempi: accessorio antichissimo visto che appare in Oriente, già in sculture cinesi della dinastia Chu mille anni prima di cristo mentre sono le statue di terracotta dell'esercito dell'imperatore Qin Shihuang a ricordarci come già nel III secolo a.C. la loro divisa comprendesse una specie di sciarpa morbida e spessa, di cui talvolta si indovinavano i vivaci colori. A Occidente è la Colonna Traiana del II secolo d.C. a raccontarci di come i soldati romani si proteggessero la gola dalle intemperie mediante il "focale" una striscia di tessuto fermata da passanti; indumento che però, soldati a parte, era considerato femminile. I romani portavano anche il sudarium infilato alla cintura per detergersi il viso e il collo e l'orarium legato al polso sinistro per manifestare tripudio al Circo Massimo, per applaudire i campioni o per sottolineare i passaggi migliori dell'arte oratoria.

I più bei foulards che oggi diremmo di lusso, venivano importati dalla Spagna, secondo quanto ci tramanda Catullo. Forse da questo momento le strade di quelli che diventeranno uno foulard e l'altro cravatta si dividono, e da semplice protezione passeranno ad essere indicatori di un determinato status sociale e addirittura elementi indispensabili nelle funzioni religiose. Già nel Quattrocento le donne sposate erano solite ricoprirsi il capo con un semplice telo quadrato, soprattutto nei riti religiosi. Il velo ha sempre avuto grande importanza, fino a pochi anni fa era impensabile che le donne partecipassero ad una messa senza velo, e anche se oggi nel mondo occidentale non esiste più quest'obbligo, è ancora diffuso l'uso. Il velo più significativo è quello da sposa. Nel rinascimento, i fazzoletti erano molto in voga. Alle donne piacquero molto i fazzoletti da testa: alle popolane dell'Europa meridionale, della Russia della Cina, dell'India. Li sfoggiavano nei campi per raccogliere la capigliatura, per vezzo (il foulard trionfa nei costumi tradizionali) e certo, per ripararsi. Ben presto se ne produssero di raffinati decorati con filo d'oro e la bellezza delle donne che lo indossavano veniva esaltata anzichè occultata. Con lo stesso scopo il fazzoletto da testa si mise anche al collo, si chiamò "fisci" e servì alle signore per velare una scollatura troppo sfacciata. Furono i mercenari croati nel 1660, con i loro servigi a Luigi XIV a portare in Francia il loro segno di distinzione intorno al collo, una striscia di stoffa più o meno preziosa a seconda del grado nell'esercito, cravatta sarà il suo nome definitivo. Secondo alcuni studiosi del costume, il foulard per eccellenza trae ispirazione dal foulard indossato dai soldati di Napoleone. Un accessorio maschile che comunque fa impazzire le suffragette dei primi decenni del secolo.

Ma la vera patria del foulard (dal provenzale ÒfoulatÓ, riquadro di stoffa) come lo intendiamo oggi nasce nel 1937, a Lione, grazie al genio di due produttori di sellerie e di accessori per l'equitazione, Emile Hermès e Robert Dumas. Il prodotto non era all'altezza delle aspettative qualitative dei due soci, che vennero tuttavia interrotti nella loro ricerca dalla guerra.

E' con il dopoguerra, nel 1948 che Hermès inizierà a produrre gli esclusivi 'carrè". Il foulard diventa voce importante anche nel prestigio delle griffe più affermate: in Francia le celebri Dior, Saint-Laurent, Chanel, Givenchy e Louis Vuitton. In Italia nomi antesignani del foulard d'autore sono stati Gucci, Ferragamo, Valentino e Roberta di Camerino seguiti poi da tutti gli stilisti d'alta moda pronta, da Mila Schon ad Armani, a Ferrè.

Continuate a seguirci e non perdetevi i prossimi articoli in ambito moda. Illustrazione grafica di Elena Noferini, graphic designer presso épicées design studio.

Foulard unici, d'eccezionale bellezza stilistica e artistica
Notizie&Stampa / News&Press

Sapete come nasce il foulard?

Il foulard nasce da un’antica tradizione tessile, con protagonista la Seta. Questo accessorio nasce in stretta collaborazione con gli artisti/designer e può essere realizzato con diverse tecniche, ognuna con la sua particolarità. Un incontro tra arte, moda e design in esclusivi accessori in grado di esaltare la femminilità e l’eleganza della donna che lo indossa. Il foulard deve essere in grado di trasmettere uno stile di vita e una propria filosofia la quale rappresenta perfettamente la persona che lo indossa. Come ci racconta Damiana Biga la parola “foulard”, in francese, significa “fazzoletto di seta” e proprio di questo si tratta.

Da chi venne utilizzato?

Ancora una volta si tratta di un capo indossato inizialmente in ambito militare e successivamente contadino, sempre sfruttandone le sue doti pratiche, per proteggere la gola dal vento o la testa dal sole. E’ nel 1900 che nasce il foulard come lo intendiamo noi, come accessorio di classe: lo si indossava non solo per nascondere una scollatura non adatta alle funzioni religiose o per coprire i capelli ma anche per rendere un look più elegante e raffinato. Molte celebrità ne fecero uso, per esempio Isadora Duncan, la celebre danzatrice, fu vittima del suo fascino e morì nel 1927 a causa del suo vezzo di portare una lunga sciarpa. Il suo foulard infatti si incastrò nelle ruote dell’automobile sulla quale era appena salita, uccidendola. Un’altra immagine che sovviene è quella di Audrey Hepburn, che di solito lo portava annodato intorno al viso, a coprirle il capo, abbinato a grandi occhiali scuri. Eleganza e perfezione. L’origine del foulard si perde nella storia. Se ne ritrovano tracce in alcune raffigurazioni in Oriente mille anni prima di Cristo, e in Occidente nel secondo secolo d.C.. C’è chi li porta tra i capelli, chi li usa come cintura, chi li annoda alla borsa e chi li porta al collo, annodati in centomila modi diversi… i foulards sono il meraviglioso pass par tout delle donne che aspirano all’eleganza.

Nel mondo contemporaneo succede che…

L’esercizio e la fantasia fanno la differenza e un bel foulard, non necessariamente griffato ma di un buon tessuto e una graziosa fantasia, sta bene a tutte ed è in grado di aggiungere raffinatezza a tutti i look, è come la ciliegina sulla torta per tanti outfit, è l’accessorio che non passa mai di moda capace di arricchire l’abito più semplice. Versatili, femminili, divertenti, dai mille colori, fantasie e dimensioni…decidere come indossarli fa perdere la testa. Oggi, poi, c'è una piattaforma che unisce i migliori talenti mondiali nel design di foulard: si chiama The Creative Archives e ha sede a Firenze. È stata fondata nel 2010 da Laura Partington e Shwetal Patel. 

A seguire alcuni pezzi del Museo Gucci e un accessorio di Alexander McQueen.

01 gridfoulard archivenormal look 12 Custom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione